Un peu d’amour, d’amitié et beaucoup de musique, la tv artigianale di Jocelyn e Telefantasy: il podcast

Nella puntata di Radiosoap in onda in diretta ogni martedi e giovedi alle 19 su Radiostonata.com, grazie al sempre prezioso contributo dell’editorialista Paolo Pizzo di Scelta Tv, si é parlato di alcuni aneddoti molto curioso ma anche ricchi di fascino di una certa storica tv per cosi dire artigianale, molto artigianale.

La televisione di un tempo era fatta da persone creative e appassionate che amavano davvero il mezzo televisivo ma ci sono casi in cui questa voglia di fare, di creare, di innovare la televisione era davvero quasi prepotente potremmo dire.

Talmente prepotente e forse anche dirompente da mettere insieme un gruppo di persone e creare un canale televisivo praticamente dal nulla in un vero e proprio garage ma non solo, un autore a dir geniale come Jocelyn a creare con pochissimi mezzi il primo programma musicale in tv.

Un peu d’amour, d’amitié et beaucoup de musique

Jocelyn tra esordi geniali, Il Milionario e Il gioco dell’oca

Jocelyn é stato un grande autore televisivo ma anche un conduttore ma forse il meglio di se lo ha dato proprio come creativo di una tv non solo che non esiste più ma capace di dare emozioni al pubblico da casa.

Nato e cresciuto in Tunisia, nel 1956 Jocelyn si trasferì con la famiglia in Francia, dove studiò al Conservatoire national supérieur d’art dramatique di Parigi.

Dopo aver svolto alcuni lavori minori nel mondo teatrale, verso la metà degli anni sessanta iniziò ad intraprendere sia la carriera cinematografica (interpreta un piccolo ruolo nel film La notte dei generali) sia quella televisiva, assumendo l’incarico di assistente di produzione della prima edizione francese di Giochi senza frontiere.

In seguito Jocelyn incontrò Michel Fugain, con cui creò la band musicale Michel Fugain et le Big Bazar, grazie alla quale esordì nel 1974 su Telemontecarlo.

Da allora scelse definitivamente di lavorare per la televisione, iniziando a dirigere, a produrre e a condurre trasmissioni per l’emittente del Principato di Monaco, in particolare Un peu d’amour, d’amitié et beaucoup de musique, un programma musicale di cui fu al tempo stesso regista, produttore e veejay (il primo in assoluto nella storia della tv), che ben presto riscosse un notevole successo.

Il programma era realizzato nella sede monegasca andava in onda alle 17:45 e dava inizio alla programmazione della rete. Le riprese del programma venivano fatte all’interno stesso dello studio in cui veniva realizzato il programma fatto davvero con pochissimi mezzi con i quali lo stesso Jocelyn era sia conduttore che veejay presentando le canzoni in scaletta.

Altri programmi di grande successo di Jocelyn degni di ricordo sono Il Milionario, il game show avvincente in onda su Rai due in cui il concorrente del momento veniva prelevato e portato in una città a lui sconosciuto e in un albergo.

Il gioco aveva inizio alle ore 21 quando tutti i negozi del posto erano chiusi, al concorrente spettava il compito di telefonare ai vari negozianti e convincerli a farsi recapitare i premi in palio.

Aveva a disposizione 60 minuti ed un capitale di 10 milioni che diminuiva con il trascorrere del tempo.

Al termine del tempo a disposizione il concorrente non riceveva alcuna somma di denaro, ma il premio consisteva nel diventare proprietario di tutto quanto fosse riuscito a farsi recapitare nei 60 minuti di tempo. Si poteva far recapitare anche una ricevuta dell’acquisto di un bene o servizio come ad esempio una cena in un lussuoso ristorante per 100 persone.

Un gioco davvero avvincente che riusciva a creare momenti di vera e propria suspence dall’inizio alla fine. Ve lo ricordate?

Telefantasy

La nascita di Telefantasy

Sempre l’ottimo Paolo Pizzo di Scelta Tv ci ha raccontato di un canale tv chiamato Telefantasy nato nel 1976 il 10 novembre per la precisione e fu un canale che trasmetteva solo per Roma, un canale creato e allestito in un garage di via Sestio Calvino nei pressi di Cinecittà.

Il canale riusciva a trasmettere grazie ad un ripetitore installato sulla terrazza di un albergo presso il Monte Ripoli a Tivoli.

Come altre emittenti site nella periferia romana, Telefantasy programmava trasmissioni decisamente popolari, realizzate veramente con pochissimi mezzi, e caratterizzate da show musicali con dediche ed esibizioni del pubblico, nonché lunghe dirette telefoniche in cui si dava libero sfogo ai telespettatori.

La trasmissione notturna volgeva invece nel trasgressivo, con diversi film vietati (per lo più commedie erotiche all’italiana), spogliarelli ed altri programmi del genere.

Programma cult, l’appuntamento del sabato notte Buonanotte con Emanuelle, parodiato da Paolo Panelli nel varietà RAI Ma che sera, dove non viene risparmiata la stessa emittente, lì chiamata TeleFamily.

Telefantasy non ebbe vita lunga e dopo pochi anni fu rifondata in New Telefantasy. Il palinsesto si appoggiava sempre più a quello del network milanese Rete A, continuando con la programmazione glamour, come lo show Ciao Eva condotto da Paolo Mosca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *