Barbara D'Urso in un immagine di Giorno dopo giorno

Giorno dopo giorno, quando Barbara D’Urso recitava in una serie in stile fotoromanzo

In questo caso correva l’anno 1984 e come racconta anzi raccontava il sempre mitivo RadioCorriete Tv, era un’epoca in cui spadroneggiavano in Italia le serie tv americane: polizieschi, azione, saghe familiari come Dallas, Dynasty e Falcon Crest mentre la tradizione italiana era fatta soprattutto dagli sceneggiati Rai (molto ben fatti tra l’altro), gli sceneggiati radiofonici e ovviamente i Fotoromanzi.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Il genere fotoromanzo é un prodotto assolutamente italiano esportato poi anche all’estero ma é un genere che in qualche modo ha dato i natali anche alle cosiddette fiction italiane come le conosciamo oggi ma ha dato vita anche a prodotti che sono una via di mezzo tra serie tv e soap opera, i feuilleton come venivano definiti un tempo.

Giorno dopo giorno serie tv da fotoromanzo

Il fotoromanzo non é mai morto

Il genere fotoromanzo vive ancora oggi in Italia grazie a storiche riviste che si trovano regolarmente in edicola come Grand Hotel e Sogno, storica rivista di fotoromanzi che di recente é tornata nelle edicole italiane facendoci fare un vero e proprio viaggio nel tempo.

Sfogliando infatti la rivista Sogno si ha davvero l’impressione di essere ancora negli anni 70 e 80, con quella tipica grafica e impaginazione, con la ri-pubblicazione di storici fotoromanzi dell’epoca a cui si aggiungono nuove storie.

Sogno come dice il titolo ci fa rivivere una parte di quell’epoca, ricordandoci attori e attrici che hanno mosso i primi passi proprio nel fotoromanzo.

Giorno dopo giorno serie tv Radiocorriere 1984

Barbara D’Urso nella serie Giorno dopo giorno

Come raccontava Radiocorriere Tv del 1984, in Italia si sentiva sempre più l’esigenza di proporre prodotti in grado di essere più realistici e vicini al pubblico italiano rispetto alle serie tv americane che invece raccontavano realtà lontane da noi anche se di grande successo di pubblico.

Cosi nacque una serie che sembrava arrivare direttamente dal più classico dei fotoromanzi dal titolo Giorno dopo giorno e che vedeva tra i protagonisti una giovanissima Barbara D’Urso, Maria Teresa Ruta, Paolo Malco e molti altri.

La serie era composta da 21 episodi di 30 minuti circa e fu trasmessa all’epoca da Retequattro e gli autori vollero proprio tentare una sorta di esperimento: trasferire il fotoromanzo sul video.

Si raccontavano storie di vita quotidiane, amori, delusioni, problemi della vita, storie che cercavano in qualche modo di indurre il pubblico da casa ad una maggiore immedesimazione.

Barbara D’Urso non era esattamente un esordiente, aveva già maturato con un certo successo alcune esperienze in programmi televisivi e con Giorno dopo giorno affrontava il suo primo ruolo drammatico come attrice.

Fonte: Radiocorriere Tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *